Fotoritocco professionale, alternative a Photoshop

I migliori programmi di fotoritocco alternativi a Photoshop

Per migliorare la qualità delle proprie immagini non occorre ricorrere per forza a Photoshop. Ecco cinque software alternativi e facili da utilizzare

12/03/2021 , tempo di lettura 3 MINUTI

Nel mondo della fotografia, Photoshop è senza dubbio il programma di fotoritocco più celebre e diffuso. Talmente conosciuto che ormai quando si vuole far capire di aver modificato un’immagine digitale si usa il verbo “photoshoppare” anche se per ritoccare la foto è stato utilizzato un altro software o semplicemente una delle centinaia di app disponibili per smartphone. 

Photoshop, software proprietario prodotto da Adobe, è ormai diventato uno standard, uno strumento utilizzato da professionisti e fotografi amatoriali per migliorare la qualità delle proprie immagini. Non è detto però che sia il programma giusto per tutti o che non ci siano altri aspetti da considerare nel momento in cui si deve scegliere cosa utilizzare per modificare le proprie immagini. 

Photoshop infatti non è per nulla semplice da utilizzare, richiede conoscenze informatiche professionali e tanto tempo a disposizione per riuscire a raggiungere la qualità desiderata. Da valutare anche il prezzo. Il software costa infatti 12 euro al mese, 145 euro l’anno in media, nella sua versione base che comprende anche il Lightroom. 

Programmi alternativi a Photoshop 

Chi non riesce o non vuole utilizzare Photoshop sul web ha a disposizione una vasta gamma di alternative, sia gratuite che a pagamento. Ve ne proponiamo cinque: 

  1. GIMP: si tratta di un programma di fotoritocco gratuito e open source compatibile con Windows, Mac e Linux. È dotato di un’interfaccia intuitiva e semplice da utilizzare e di funzioni, filtri ed effetti che consentono di modificare le immagini a proprio piacimento. Disponibili anche tante componenti aggiuntive che consentono di potenziare il software. 
  2. PAINT: è un programma predefinito di Windows che consente di effettuare modifiche basilari alle foto (tagli, dimensioni, collage, ecc.). A disposizione degli utenti c’è anche Paint.net, scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale, che presenta funzioni avanzate come livelli ed effetti. Disponibile infine Paint 3D per creare modelli 2D e 3D. 
  3. Snapseed: e se occorre modificare una foto tramite smartphone o iPhone? In nostro soccorso arriva Snapseed, un’applicazione gratuita sviluppata da Google disponibile su Android e iOS. L’app consente di modificare facilmente le foto, offrendo funzioni e filtri. Si possono facilmente regolare i parametri dell’immagine, applicare effetti e migliorare la qualità di ogni foto con pochi, semplici, tap. 
  4. Pixlr è un software di editing di immagini basato su cloud, utilizzabile gratuitamente sia su desktop che su mobile (iOS e Android). È semplicissimo da utilizzare, presenta numerose funzioni e filtri e sono disponibili un numero illimitato di livelli. Non si tratta di un software professionale paragonabile a Photoshop o GIMP, ma per le modifiche di base è perfetto. Attenzione però: funziona solo con i browser che hanno Flash Player abilitato. 
  5. Krita è un software che, oltre a consentire l’editing di immagini con strumenti di rielaborazione, filtri ed effetti, contiene funzioni open source per fumettisti, illustratori e concept artist. Presenta anche tre layout predefiniti che possono essere usati anche dagli utenti più inesperti.