I consigli di Chiara Fiengo: 8 libri per ragazzi da leggere e regalare

I consigli di Chiara Fiengo: 8 libri per ragazzi da leggere e regalare

Abbiamo chiesto all’editor per ragazzi - e nostra docente del corso online di editoria per l'infanzia - di selezionare i titoli più importanti per le nuove generazioni.

Chiara Fiengo
Chiara Fiengo
23/03/2022 , tempo di lettura 5 minuti

Abbiamo chiesto a Chiara Fiengo, redattrice dei libri di Geronimo Stilton per Piemme, dal 2006 editor della collana di libri per bambini e ragazzi Il Battello a Vapore e dal 2019 l'editor responsabile dell'area ragazzi di Feltrinelli, di consigliarci otto titoli che non dovrebbero mancare nella libreria dei più giovani. 
Per fare un regalo, per recuperare un classico che ancora ti mancava o per riscoprire un libro che non leggevamo da tempo. 

Ti ricordiamo che saremo in aula con Chiara Fiengo e Pierdomenico Baccalario, scrittore di libri per ragazzi, sceneggiatore e giornalista, a partire dal 5 aprile per il corso “Scrivere e pubblicare libri per ragazzi: editoria per l’infanzia


I libri imprescindibili, che non dovrebbero mai mancare nella nostra libreria


Bianca Pitzorno, Ascolta il mio cuore (Mondadori): un libro che narra le avventure di Prisca, Elisa e Rosalba, tre bambine di quarta elementare in lotta contro la loro nuova insegnante, una donna estremamente severa, bugiarda e ingiusta.


Roald Dahl, Le streghe (Salani): un racconto inquietante che vi farà sapere chi sono le vere streghe. Non quelle delle fiabe, sempre scarmigliate e a cavallo di una scopa, ma quelle elegantissime, somiglianti a certe signore che probabilmente già conoscete. Come fare a individuarle? Bisogna stare attenti a cogliere gli artigli, i crani calvi, i piedi quadrati, la saliva blu mirtillo: tutti segni distintivi delle vere streghe. 


J.K. Rowling, Harry Potter (Salani): tutti e sette! Uno dei più grandi fenomeni letterari internazionali, la saga che ha fatto leggere milioni di ragazzi e ha unito genitori e figli nella scoperta di un universo fantastico che è già parte dell'immaginario collettivo.


Michael Ende, La storia infinita (Salani): in un giorno di pioggia, Bastiano trova in una vecchia libreria un volume intitolato La storia infinita. Il libraio non vuole venderlo, ma l’attrazione per quel libro è tale che Bastiano lo ruba e ci si immerge letteralmente, scoprendo che proprio lui non è solo spettatore delle meravigliose avventure che vi sono narrate, ma ne è anche protagonista, chiamato a salvare i destini del mondo incantato di Fantàsia, con le sue mitiche creature e le sue città sospese.


David Almond, Skellig (Salani): nel garage della nuova casa, Michael scopre qualcosa di magico: una creatura, un po' uomo un po' uccello, che sembra avere bisogno di aiuto. Si chiama Skellig e adora il cibo cinese e la birra scura. Non sapremo mai di preciso cos'è; c'è del mistero in questa storia, ma va bene così. L'importante per Michael, e per la sua sorellina sospesa tra la vita e la morte in ospedale, è che Skellig ci sia. 


Titoli a cui Chiara Fiengo è particolarmente affezionata


Pierdomenico Baccalario, La vera storia di Capitan Uncino (Edizioni Piemme): il 28 aprile del 1829 nasce un bambino che potrebbe cambiare le sorti dell'Inghilterra. È il figlio illegittimo di re Giorgio IV e per questo viene subito allontanato da corte: esiliato nelle Indie Orientali, James Fry (questo è il suo nome) s'imbarca a soli tredici anni e inizia la carriera da pirata che ne farà l'uomo più ricercato dell'Impero. 


Sjoerd Kuyper, Hotel grande A (La nuova frontiera): Kos è un ragazzo tredicenne che vive con il padre e le tre sorelle nell’albergo di famiglia, sperduto sulle dune di fronte al mare. Il giorno in cui ha un’importante partita di calcio, e proprio mentre sta segnando il goal decisivo, il padre ha un attacco di cuore e viene trasportato d’urgenza in ospedale. Tocca quindi a lui e alle sue tre stravaganti sorelle prendere in mano la gestione dell’albergo. 


Sharon M. Draper, Melody (Feltrinelli): Melody è la più intelligente della scuola, ma nessuno lo sa. Quasi tutti ritengono che non abbia alcuna capacità di apprendimento. Se solo lei potesse dire che cosa pensa e che cosa sa... Ma non può. Perché Melody non può parlare. Non può camminare. Non può scrivere. Finché un giorno non scopre qualcosa che potrebbe permetterle di parlare, per la prima volta nella sua vita.


Registrati alla newsletter

Segui Arianna, la newsletter di Feltrinelli Education per
non perdersi nel cambiamento: gratis, settimanale, per te!
Segui Arianna