Time management: 6 app per gestire al meglio il tempo tra lavoro e relax

Time management: 6 app per gestire al meglio il tempo tra lavoro e relax

Con il boom dello smart working, l’organizzazione e la gestione del nostro tempo sono diventate fondamentali per evitare di essere cannibalizzati dallo stress. Ecco sei app che ci aiutano a farlo

26/04/2021 , tempo di lettura 3 MINUTI
Immagine

Riuscire a organizzare al meglio il proprio tempo per migliorare la produttività sul lavoro, ma anche per godersi i momenti di meritato relax, è sempre stato importante. È diventato fondamentale da quando, a causa della pandemia, milioni di lavoratori si sono ritrovati ad affrontare le gioie e i dolori dello smart working

Lavorare da casa ha i suoi vantaggi, consente di gestire in autonomia il proprio tempo e secondo diversi studi aumenta la produttività dei lavoratori. Per evitare però di cannibalizzare le proprie giornate, togliendo spazio agli impegni familiari, agli hobby e al relax c’è bisogno di costanza, impegno e organizzazione. Il rischio, concreto, è altrimenti quello di incrementare le ore di lavoro, aumentando parallelamente lo stress e cadendo in quello che gli esperti chiamano burnout da smart working

Come evitarlo? Ottimizzando il proprio tempo e migliorando il cosiddetto “time management”. La buona notizia è che non dobbiamo fare tutto da soli. Proprio allo scopo di massimizzare le prestazioni dei lavoratori e incrementare la loro qualità di vita sono nate decine di applicazioni, gratuite e a pagamento, che monitorano le nostre giornate dandoci delle indicazioni utili sulle ore che passiamo online, su ciò che facciamo nel corso dei nostri turni lavorativi ma anche durante i nostri momenti di relax. Dati fondamentali per capire quando perdiamo tempo, su cosa, e come sarebbe meglio impiegarlo. Eccone alcune. 

  1. RescueTime: è l’applicazione più utilizzata al mondo nel campo del “Time Tracking”. Si può usare ovunque e su qualsiasi dispositivo. C’è una versione gratuita, la “lite”, ma anche una versione “Premium” da 9 dollari al mese (l’abbonamento annuale costa 72 dollari). Come funziona? Basta lasciarla in background sul nostro device e RescueTime ci aiuta a capire come trascorriamo il nostro tempo online, indicandoci se perdiamo troppo tempo a svolgere un’attività e permettendoci di bloccare temporaneamente la navigazione sui siti che ci fanno perdere più tempo come i social network. Fornisce anche dei report giornalieri che possono diventare una base importante per organizzare il nostro lavoro e migliorare la nostra produttività. 
  2. Timely: anche questa App, disponibile sia per iOs che per Android e per le loro versioni desktop, monitora il modo in cui trascorriamo il nostro tempo, suggerendoci possibili migliorie. Timely consente anche di pianificare la nostra settimana, scegliendo le attività su cui puntare e dando una diversa importanza ai vari impegni. Costa 8 dollari al mese per singolo utente, da 15 a 23 per i gruppi. 
  3. Todoist: liste, liste e ancora liste. Le migliori alleate della produttività utilizzabili attraverso un’app che oltre a permetterci di stilare una lista dei nostri impegni, ci consente di assegnare a ciascuno di essi un diverso grado di priorità. L'applicazione è inoltre in grado di registrare quali sono le nostre attività abituali, ricordandoci gli orari in cui dovremmo svolgerle. 
  4. Google Keep, alle liste, aggiunge anche le note vocali, le immagini, i disegni e via dicendo. Consente di organizzare le nostre attività e assegnare loro dei tag di categoria. Le informazioni possono inoltre essere condivise con colleghi e familiari. 
  5. Toggl: il nome deriva dall’inglese toogle, che significa “far scattare un interruttore” che tiene traccia del tempo che dedichiamo al lavoro. Una caratteristica interessante di quest’App è la possibilità di monitorare il lavoro di un intero team. Toogl calcola il tempo che ciascun membro trascorre su un progetto, sincronizzando i vari device in modo da individuare quali sono le aree di lavoro più redditizie. È disponibile gratuitamente, ma anche in tre diverse versioni a pagamento: Starter (10 dollari al mese), Premium (20 dollari al mese) o Enterprise (il prezzo dipende dalle opzioni selezionate). 
  6. Focus@will: Si tratta di un’applicazione diversa dalle precedenti perché, oltre alla solita funzione di “time tracking”, fornisce delle playlist musicali che aiutano i lavoratori a migliorare la produttività secondo dei principi ispirati alla neuroscienza. Si può scegliere tra quattro profili “creativo”, “logico”, “manager” o “studente”, in base ai quali l’App seleziona la musica più adatta alle esigenze di ognuno. Il prezzo è pari a 9,95 dollari al mese. 

Registrati alla newsletter

Segui Arianna, la newsletter di Fedu per non perdersi nel cambiamento: gratis, il martedì, per te